venerdì 22 febbraio 2013

CHICKEN STEW or il POLLO IN UMIDO che sognavo.


Eccolo qui, il mio famoso pollo in umido, con patate!

Famoso si, perchè da qualcosa come una settimana desirevavo prepararlo, senza mai averne il tempo o perdendo ogni buona possibile occasione cedendo ad altrettanto allettanti inviti a cena.Nel frattempo ne avevo parlato credo ad ogni persona incontrata in questi giorni. E avendolo desiderato così a lungo, raccontato e descritto, le aspettative sul gusto che cercavo erano davvero cresciute, si erano raffinate, dettagliate...
Pensavo ad un gusto che mi ricordava la mamma, il pranzo della domenica (anche se la mia infine è stata una cena solitaria del giovedì sera), me bambina, l'orto dei nonni. Casa, e tradizione insomma. Ma era la prima volta che lo cucinavo io, e non la mamma, appunto...
Grazie a dio e non così ovviamente non sono assolutamente state deluse, tutte queste aspettative! Il risultato è stato più fedele che mai.



Molto semplice e veloce (il tempo di cottura corrisponde a quello richiesto dalle patate in buona sostanza).

  • ho soffritto un piccolo scalogno (lo preferisco alla cipolla) e uno spicchio d'aglio
  • ho aggiunto il pollo, che si rosolasse un po' (cosce o sottocosce secondo me sono l'ideale in questa ricetta)
  • quando il pollo iniziava a prender colore, ho aggiunto un bicchiere circa di passata di pomodoro, mezzo bicchiere d'acqua, e le patate tagliate a pezzetti (io ho usato patatine novelle dalla buccia così sottile che non serve toglierla, basta lavarle per bene)
  • sale, un po' di pepe e un po' di erbette provenzali ma davvero un pizzichino (vedrete, io le uso tantissimo: è un preparato che contiene timo, rosmarino, origano e basilico).

Ho lasciato cuocere, mescolando di tanto in tanto (forchetta e spatolina in legno per rigirare il pollo senza romperlo) mentre aggiornavo twitter e ascoltavo un tango e... VOILA'!

Pronto, gustosissimo, morbisissmo e totalmente privo di glutine o lattosio!

Provateci e ditemi a voi come viene, o se la vostra ricetta è diversa.





Here it is, my famous chicken stew! Famous because it was more than a week that I was desiring it but never got the time to really prepare it or or losing all the good possible occasions to do it surrendering to as much tempting dinner invitations. In the meanwhile, I've told of it to maybe every person I've met in the week. And having desire it, and described and explained how I wanted it, the expections on the taste had highly rised and became super detailed and precise... I had in mind a taste of childhood, mom, sunday lunch (even tho finally mine was a lonely thursday night dinner), my grandparents vegetable garden, ... Home and tradition, so. But it was the first time I had to cook it myself, and not my mom actually... And thanks God and not so obviously they have not been disappointed, all those expectations. The result was more accurate than ever!

Very simple and pretty quick (the cooking time is actually the time required by the potatoes).
  • I made a sautéed of olive oil, a small eschalon (that I prefer in lieu of onion) and a clove of garlic
  • I add the chicken (the tights are the ideal part for this recipe according to me)
  • when the chicken started to be more coloured, I added about a glass of tomato passata, half glass of water and potatoes cut into small pieces so they cook quicker (I used small spring potatoes with such a thin skin that it's not necessary to peel it off, they just need to be properly washed)
  • salt, a bit of pepper and of occitan herbes really a tiny bit (you'll see, I use them a lot: it's a preparation that contains thyme, rosemary, oregano and basil).
I left it cooking, stiring it every now and then (a forch and a wooden palette knife to turn the chicken without breaking it) while I was updating twitter and listening to an argentinian tango and... VOILA'!

Ready, supertasty, mellow and completely free of gluten and dairy products!

Try it out and tell me how it's your result, or if your recipe is different
.

7 commenti:

  1. sembra buonissimo!!
    lo proverò sicuramente!! :)

    RispondiElimina
  2. Thank you so much for the follow.^^
    Follow you back on bloglovin.
    Lovely greets

    RispondiElimina
  3. Dev'essere buonissimo :D

    http://stylestarmjonas.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. aaaaah lo era proprio si! :) è finito in un batter d'occhio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .....e dove è finito...?
      Raccontaci che te lo sei divorato tutto senza ritegno....:-)
      ...solo a guardare la foto ti viene voglia di.......masticare.......:-)
      aspetto la prossima leccornia.....:-)
      Ciaoooooo

      Elimina
  5. Caro anonimo,
    dire che l'ho divorato senza ritegno...non è un eufemismo! :D
    a presto!

    RispondiElimina

Let me know what you think!